LB11F.115 MASKPOINT

di Serena Mangini, Carolina Massone e Francesco Giacomo Scaglia

Con la diffusione del Covid-19 le mascherine sono diventate parte integrante della nostra vita ormai da più di un anno. Molti esperti sostengono che l’emergenza legata a questa pandemia non cesserà prima del 2022 e che in ogni caso continueremo a dover usare le mascherine per tutto il 2021.Aldilà della situazione pandemica, questi dispositivi di protezione non servono solamente a prevenire il contagio da Coronavirus, ma anche a proteggersi da numerose malattie infettive, a partire dalle più comuni influenze stagionali. Le mascherine sono talmente diffuse da portarci a pensare che molte persone avranno interiorizzato il comportamento di indossarle in luoghi affollati, anche una volta terminata l’epidemia da Coronavirus.Su questa base nasce il nostro progetto MASKPOINT, un punto situato nei posti tipicamente più affollati dalle persone come stazioni ferroviarie, sale d’attesa dei Pronto Soccorso ecc, dove è possibile sia smaltire correttamente le mascherine usate sia acquistarne una nuova. La nostra mission è quella di facilitare la raccolta delle mascherine utilizzate avvalendosi della teoria dei nudge e ridurre l’impatto ambientale delle numerose mascherine che vengono usate ogni giorno e purtroppo spesso disperse nell’ambiente. Allo stesso tempo vogliamo incentivare l’utilizzo e il corretto ricambio di questi dispositivi, in grado di proteggere noi stessi e chi ci sta vicino.