LB11.075F_Agrivia: la spesa dal contadino a casa tua

di Luca Battagliotti e Flavio Neirotti

Agrivia nasce dall’idea di ottimizzare e migliorare l’attuale filiera Agroalimentare, che al momento è inefficiente e non sostenibile in quanto il cibo, prima di arrivare sulle nostre tavole, compie numerosi passaggi che implicano: emissioni inutili di CO2, impoverimento delle economie locali e prodotti che perdono le loro qualità dovendo affrontare lunghi viaggi e venendo di conseguenza raccolti acerbi. La soluzione proposta da Agrivia è mettere in contatto diretto i consumatori finali con i piccoli e medi produttori agricoli. Agrivia è una piattaforma tramite cui l’utente potrà ordinare a domicilio il proprio cibo, con grande attenzione a prodotti BIO, sostenibili e di qualità elevata. Lato produttori Agrivia offre uno strumento che permette proprio ai piccoli e medi produttori agricoli locali di vendere i loro prodotti, permettendogli così di occuparsi solo della produzione. Oltre la piattaforma, gli asset fondamentali di  Agrivia sono due: un modello innovativo di logistica e la tecnologia blockchain. Il modello logistico di    Agrivia permette consegne dell’ultimo miglio ad impatto zero tramite rider. La tecnologia blockchain sarà fondamentale in quanto ci permetterà di tracciare, in modo sicuro e immutabile, tutta la storia del cibo: dalla produzione, al trasporto fino alla vendita finale. La blockchain permette infatti di salvare e    trasmettere informazioni provenienti da entità diverse in maniera sicura e senza che esse possano essere contraffatte. Riteniamo questo ultimo punto, ossia la trasparenza e  garanzia  massima delle  informazioni sul cibo, molto importanti per i consumatori, i quali hanno una coscienza circa quello che mangiano    sempre maggiore. Al momento le attività svolte sono state: interviste a potenziali clienti in target e validazione dell’idea tramite un MVP. Da febbraio la startup è pre-incubata presso l’incubatore I3P del Politecnico di Torino. Questo è il nostro primo concorso.