LB11F.030 prestAMI: incontro tra prestatore e utilizzatori di materiale didattico e universitario

di Roberto Corso e Ilaria Lamberti

L’idea nasce dalla volontà di conferire un apporto positivo a due segmenti pesantemente colpiti dal Covid- 19: quello degli studenti universitari in crisi e quello di chi è in difficoltà nell’acquisto di beni alimentari.

Dunque, abbiamo dato vita a prestAMI: una piattaforma che consente l’incontro tra prestatori e utilizzatori/consumatori di materiale didattico e universitario. Chi presta ottiene buoni spesa presso il supermercato partner e chi riceve in prestito, godrà dell’asset offerto. Gli obiettivi sono: facilitare gli  studi  e migliorare le condizioni degli studenti universitari in crisi (utilizzatori); di migliorare le condizioni di chi presta (i prestatori). Tramite questa piattaforma quindi sarà generata inclusione e si promuoverà il   riutilizzo di asset che, normalmente ignorati, non generano più valore (si pensi al materiale da studio abbandonato). L’idea trasferisce positività e opportunità agli studenti (gli utilizzatori) meno abbienti, impossibilitati (anche solo in parte) a continuare gli studi a distanza, e offre loro un veloce riparo dalla condizione di scarsità. Ma migliora anche la condizione di chi presta ed è in difficolta (si pensi ad un prestatore alla ricerca di bonus spesa). prestAMI è innovativa perché consiste in una piattaforma sorretta  da un meccanismo di fiducia, di scambio e di inclusione mai sviluppato prima.